FAIL (the browser should render some flash content, not this).
 34 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi306
mod_vvisit_counterAjere748
mod_vvisit_counterStà semmana3784
mod_vvisit_counterA' semmana passata3782
mod_vvisit_counterStù mese12846
mod_vvisit_counterO' mese passate16399
China flag 18%China
Ukraine flag 15%Ukraine
Russian Federation flag 11%Russian Federation
United States flag 11%United States
Italy flag 9%Italy
European Union flag 8%European Union
Poland flag 7%Poland
Germany flag 3%Germany
Turkey flag 3%Turkey
Sweden flag 2%Sweden
Brazil flag 2%Brazil
France flag 1%France
United Kingdom flag 1%United Kingdom
Lithuania flag 1%Lithuania
Netherlands flag <1%Netherlands
Romania flag <1%Romania
Israel flag <1%Israel
Luxembourg flag <1%Luxembourg
Moldova, Republic of flag <1%Moldova, Republic of
British Indian Ocean Territory flag <1%British Indian Ocean Territory
Seychelles flag <1%Seychelles
Thailand flag <1%Thailand
Belarus (Byelorussia) flag <1%Belarus (Byelorussia)
Indonesia flag <1%Indonesia
Businesses flag <1%Businesses
La storia del Portici 3
Scritto da Scout Nautici Portici 3   

scout nautici

Premessa

Si può riassumere in poche pagine la storia della vita di un gruppo scout che ha superato il traguardo storico dei 25 anni di vita?
Pensate davvero che sia possibile trasferire su carta le emozioni, le gioie, i successi, i traguardi ma anche i momenti tristi, difficili (a volte burrascosi) e impegnativi di una struttura che ha accolto migliaia di persone e che ancora oggi accoglie bambini, adolescenti e adulti con spirito di servizio cristiano?

La risposta è (ovvio) già contenuta nell’aspetto retorico della domanda, ed è evidente che la storia di un gruppo scout è “scritta” nelle vite dei singoli individui che, anno dopo anno si sono affacciati, hanno “attraversato” il cortile della nostra storica sede, e poi si sono fermati chi per poco, chi per parecchio, chi da sempre (cioè da quando il gruppo, in quell’autunno del 1984 è nato)…
Tuttavia è più che legittimo ripercorrere, anche se sinteticamente, le tappe di vita di una comunità cristiana che ha fatto del servizio, dell’impegno per gli altri, della testimonianza e della coerenza le sue peculiari caratteristiche. Perché, con tutti i limiti umani  e con lo spirito di chi non è mai “arrivato” e vuole sempre “guardare lontano” e sempre  più lontano (come diceva Baden Powell, fondatore e creatore del movimento scout) il gruppo AGESCI Scout Nautici Portici 3 ha rappresentato e si sforza di rappresentare un modello ed un esempio di vita per tante persone.

 

E allora se la saggezza latina ci suggerisce che solo  “le cose scritte rimangono” la funzione di questo breve scritto è una sola: per non dimenticare…

Le origini (un po’ di chiarezza)

Il gruppo scout è “nato” ufficialmente il 20 ottobre 1884. Come si evince molto bene dall'atto ufficiale  di fondazione (rarissimo documento di costituzione visionabile cliccando qui). Il gruppo è nato per derivazione  (si può anche definire scissione) dal gruppo storico scout di Portici,  il Portici 1° appunto (nato nel dopoguerra prima con  le storiche sigle ASCI - AGI, dal 1975 con la sigla AGESCI).

La scissione si è resa necessaria dall’elevato numero di iscritti che ancora nel 1983 formavano il Portici 1°. A solo titolo di esempio evidenziamo che  nel 1983 il  Portici 1° censiva tre branchi, tre reparti, una numerosissima Comunità R/S ed una Co.Ca. che superava (tra capi in servizio e capi a disposizione) le trenta persone: il tutto “distribuito” tra due sedi, quella (storica) del Convento di Sant’Antonio e  quella dell’oratorio del Santuario di  San Ciro.

Il “progetto Portici 3” dunque ha preso forma sin dal 1983, quando la “gestibilità” dei numeri diventava problematica nel Portici 1°. E così per iniziativa di quella Comunità Capi, con l’avallo degli organismi zonali e in maniera pacifica e consapevole, il gruppo Portici 1° si scindeva in due, dando origine al Portici 3, per garantire una maggiore offerta formativa al territorio porticese.

Il gruppo nasceva con la sigla  Portici 3 in quanto esisteva già un Portici 2° (poi chiuso) e si insediava nei locali dell’oratorio della parrocchia di Santa Maria della Natività e San Ciro siti in via Ernesto della Torre, 25 dove ancora oggi risiede  (la numerazione del civico è cambiata, non è più 25 ma 29). Certo, i locali sono stati negli anni,  profondamente riadattati alla vita di una numerosa comunità giovanile ma la struttura originaria è la stessa, con evidenti e netti miglioramenti negli spazi esterni e interni.

Per la cronaca, con grande rammarico di tutti gli scout porticesi,  per vicissitudine interne, dopo pochi anni,  il Portici  1°  è stato chiuso e lo scoutismo porticese dell’AGESCI in questi anni ha visto il nascere di altre tre comunità scout, il Portici 4°,  il Portici 5°, (aperto e dopo pochi anni chiuso) e recentemente il Portici 2° (gruppo che ha voluto recuperare il nome).

Citiamo questi dati solo per dovere di cronaca e per verità storica: come educatori cristiani non siamo affetti da sindrome di fanatismo per i numeri e le tradizioni, non crediamo alle etichette, non viviamo nel ricordo estatico del bel tempo che fu…Tuttavia la storia è storia e non può essere smentita da fantasiose ricostruzioni, per cui due dati sono indiscutibili e documentati:

  1. il gruppo AGESCI Scout Nautici Portici 3 "Salvatore Salvatori" è cronologicamente il gruppo attivo più longevo del territorio porticese, perché “vive” da oltre 25 anni ininterrotti.
  2. Il Portici 3 è il vero depositario della tradizione del Portici 1°, in quanto nella attuale Comunità Capi sono presenti, come capi in servizio attivo, ben tre persone censite e operanti nel Portici 1° ben prima del 1984.

Per cui, senza ombra di smentita, il gruppo AGESCI Scout Nautici Portici 3
è il gruppo scout più antico di Portici.