FAIL (the browser should render some flash content, not this).
 68 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi383
mod_vvisit_counterAjere528
mod_vvisit_counterStà semmana4585
mod_vvisit_counterA' semmana passata3718
mod_vvisit_counterStù mese14277
mod_vvisit_counterO' mese passate18094
China flag 18%China
Ukraine flag 15%Ukraine
Russian Federation flag 12%Russian Federation
United States flag 11%United States
Italy flag 9%Italy
European Union flag 8%European Union
Poland flag 6%Poland
Germany flag 3%Germany
Turkey flag 3%Turkey
Sweden flag 2%Sweden
Brazil flag 2%Brazil
France flag 1%France
United Kingdom flag 1%United Kingdom
Lithuania flag <1%Lithuania
Netherlands flag <1%Netherlands
Romania flag <1%Romania
Luxembourg flag <1%Luxembourg
Israel flag <1%Israel
Moldova, Republic of flag <1%Moldova, Republic of
British Indian Ocean Territory flag <1%British Indian Ocean Territory
Seychelles flag <1%Seychelles
Belarus (Byelorussia) flag <1%Belarus (Byelorussia)
Thailand flag <1%Thailand
Indonesia flag <1%Indonesia
Businesses flag <1%Businesses
IMPRESE NAUTICHE
Scritto da Scout Nautici Portici 3   

 

 

 

 SCOUT PORTICI 3
Columbus – IMPRESA DI REPARTO

 

Colombo partì per terre lontane e quando iniziò la sua avventura, non molti avevano fiducia nella buona riuscita della sua navigazione. Credeva di trovare le Indie invece scoprì terre inesplorate e ricche…………. Ecco perché il nostro catamarano si chiama Columbus!

Di Kajak fatti di legno e tela ne avevamo costruiti tanti, col tempo avevamo anche ospitato squadriglie e reparti che volevano imparare a realizzarli ma pensare che questi Kajak potessero diventare un catamarano proprio non lo avevamo messo in conto.

Le idee seguono percorsi strani, talvolta le accantoni perché ti sembrano così ambiziose e impossibili da realizzare che la via più semplice è quella di rinunciare ma più passava il tempo e più quell’idea pazza, ambiziosa e folle la volevamo realizzare.

La progettazione si è rivelata lunga e complicata perché le idee, per essere realizzate hanno poi bisogno di essere messe su carta! Ma alla fine quelle stesse idee viste, riviste, scritte e cancellate per poi essere riscritte hanno preso forma perché era ormai tempo di cominciare.

La costruzione si rivelò complicata, gli scafi furono realizzati velocemente e senza problemi ma centrare la vela portò via tempo e svariati tentativi.

Alla fine riuscimmo ad armarlo nel cortile della nostra sede e vederlo così imponente, maestoso e finalmente terminato ci toglieva il fiato, ma la prova più grande doveva ancora arrivare: l’acqua!

Trepidanti organizziamo il varo del nostro Columbus: tutto è pronto, lo mettiamo in acqua, prua al vento vele issate e la nostra meravigliosa creazione solca finalmente le onde.

Siamo rimasti lì tutta la giornata aspettando pazientemente che venisse il turno di ognuno di noi per poterci salire: chi restava a terra fotografava e chi scendeva si vantava della prodezza di questa barca che (dicevamo) sarebbe potuta arrivare…in America!

 

Reparto Nautico Amm. F. Caracciolo

Portici 3

 

 

 

ORSA MAGGIORE!

 

Qual è il miglior modo di vivere l’avventura se non quella di costruirsela da sé?

 

E’ questa la domanda che ci siamo posti durante uno dei primi Consiglio Capi di quest’anno e alla fine è arrivata la tanto sospirata risposta: in accordo con la nostra tradizione nautica e cantieristica, quest’anno avremmo realizzato un’impresa di reparto costruendo una lancia a remi.

 

La tecnica di costruzione scelta è stata quella della vetroresina, con la quale avevamo avuto già modo di confrontarci, anche se solo in occasione di piccole riparazioni che avevamo fatto nel corso degli anni.

 

L’impresa è stata accolta da tutto il reparto con grande entusiasmo e dopo settimane frenetiche di autofinanziamento, studio di progetti e materiali, acquisto degli stessi, preparazione e messa in sicurezza del luogo che avrebbe ospitato la costruzione, abbiamo ufficialmente aperto il nostro cantiere il 28 gennaio 2016.

 

Nelle settimane successive, le sei squadriglie che compongono il reparto si sono avvicendate nella costruzione attraverso un sistema di rotazione; tale sistema prevedeva anche la compilazione di un diario di bordo da passare alle squadriglie che man mano si avvicendavano nel lavoro, in modo da rendere tutti partecipi del lavoro fatto e da fare.

 

Contestualmente una nuova sfida si è fatta strada tra le squadriglie poiché è stato lanciato un concorso per la creazione del logo e del nome per la lancia.

 

Ed è così che, strato dopo strato, fase dopo fase, finalmente la costruzione è terminata e siamo certi che di acqua sotto la chiglia, conoscendoci, questa imbarcazione ne vedrà tanta.

 

A questo punto non è rimasto che organizzare un varo degno di questo nome. Infatti, il 25 giugno presente tutto il reparto, i nostri genitori e con la benedizione del nostro Assistente, Padre Raffaele, il nostro Capo Reparto Rino ha dichiarato ufficialmente chiuso il cantiere e si è proceduto al varo.

 

Alla nuova nata è stato assegnato il nome di “Orsa Maggiore” affinché questa impresa fatta di gioia, fatica, soddisfazione, impegno e gioco possa guidare sempre le nostre future avventure.

 

 

 

 

 

Inutile dire che la prima barca a essere caricata sul camion che ci ha accompagnato al campo estivo è stata la nostra Orsa Maggiore.

 

 

 

Le Squagriglie

 

Aironi, Albatros, Cormorani, Delfini, Gabbiani, Squali

 

del Reparto nautico Ammiraglio Francesco Caracciolo
Portici 3

 

 

 

 

SCOUT PORTICI 3
PAGAIE – IMPRESA DELLA SQUADRIGLIA AIRONI

Salve a tutti, siamo la Squadriglia Aironi del Reparto nautico Ammiraglio Francesco Caracciolo del gruppo scout A.G.E.S.C.I. Portici 3 e volevamo raccontarvi la nostra impresa di Squadriglia.

Si respirava in sede aria d’impresa ma la nostra squadriglia era molto indecisa su cosa fare: alla fine la scelta è ricaduta su un’impresa che fosse utile a tutto il reparto ma che, allo stesso tempo, mettesse in gioco le competenze possedute e da conquistare. Ed è così che abbiamo deciso di cimentarci in un’impresa che prevedeva la costruzione di nuove pagaie per tutte le squadriglie del Reparto.

Scelti i posti d’azione, decidiamo di inserire nel nostro progetto anche la visita a un cantiere per avere una migliore consapevolezza, delle tecniche, dei costi e dei tempi con i quali ci saremmo dovute misurare.

Confrontiamo le diverse ricerche sui progetti per la costruzione delle pagaie con i nostri capi e poi alla fine mettiamo giù il nostro progetto!

Iniziamo armate di buona volontà e voglia di fare, cercando di mettere a frutto tutte le notizie, i consigli e i trucchi appresi nel mese precedente e alla fine ecco la prima pagaia terminata! Finalmente avevamo realizzato il prototipo che avrebbe dato vita a tutte le altre che sono state realizzate con una maggiore velocità rispetto alla prima!

L’emozione che proviene dal vedere costruire da pochi materiali un qualcosa di bello e utile non è facile da descrivere, la gioia di conquistare delle specialità per averle realizzate è veramente grande, ma ancor meglio è vedere che tutto il reparto utilizza le “Nostre Pagaie”, che sono belle e perfettamente funzionanti.

Buona rotta

Sq.Aironi.
REPARTO AMM.F.CARACCIOLO
PORTICI 3